STORIA DEL TEATRO


ridotto internoridotto interno1ridottointerno2

Fondato nel 1979 da un gruppo di grandi amatori del teatro, la struttura viene realizzata per ospitare lavori di teatro, incontri di spettacolo e momenti di riflessioni culturali.

Dal 1989 il teatro Ridotto cambia gestione e viene rilevato da una associazione culturale che fa capo a Claudio Tortora. Il locale, completamente rinnovato e ristrutturato, ospita come progetto artistico “in magna pars” LA COMICITÀ.

Sul palcoscenico si alternano nomi provenienti da tutto lo stivale, come Francesco Paolantoni, Federico Bianco, Bellamio e Musico, Marco Carena, ma anche artisti di popolarità come Isabella Biagini, Vittorio Marsiglia, Fausto Cigliano.

Il gruppo artistico de “La Rotonda”, punta di diamante del cabaret campano a quei tempi, la fa un po’ da padrone presentando ogni anno una produzione nuova e riuscendo sempre a mantenere dei livelli di qualità e professionalità molto elevati.

Gli spettacoli “Rotondalle”, “Rotocalco”, “In Concetto”, “Se venisse Berlusconi” (nel 1993!!!) ed ancora “Metropolis 1 e 2″, “Ahumm”, “Una statua chiamata Colombo”, “Solodonne”, “Kabaret”, “Atmosfere”, “Che Nuttata” costituiscono un alternarsi di importanti produzioni che fanno letteralmente decollare la struttura.
A completare la programmazione del “Ridotto”, il gruppo de “La Rotonda” è affiancato dalla Compagnia Umoristica Salernitana, diretta dal primo fondatore dello spazio “Ridotto” Luigi Esposito, che continua a proporre allestimenti di teatro comico napoletano privilegiando le commedie in vernacolo di Scarpetta, Petito ed Eduardo de Filippo.
Un coktaill di comicità molto efficace, a volte interrotto da vere proposizioni (a quel tempo sperimentali) di monologhisti che si affacciavano per le prime volte alla ribalta del cabaret. Tra gli altri: Angelo di Gennaro, i fratelli Gallo, Angelo Belgiovine, Guido Palliggiano, Alan De Luca, Michele Foresta (conosciuto oggi come Mago Forest).

Dal 2003 la direzione artistica è affidata a Gianluca Tortora, con il quale il progetto artistico resta sempre indirizzato alla comicità e lo spazio scenico è sempre pronto ad ospitare produzioni che hanno in sé il concetto della sperimentazione e delle nuove proposte.

Arriviamo, poi, ai giorni nostri ed alle nuove leve, ormai anch’esse premiate dal successo grazie al pubblico televisivo come Alessandro Siani, Paolo Caiazzo, il trio Ardone Peluso Massa, Marco Cristi, Francesco Scimemi, Nello Iorio, Carmine Faraco, Antonio e Michele, Salvatore Gisonna, Maria Bolignano, Enzo Fischetti, Pierfrancesco Poggi, Alberto Alivernini, Nando Varriale, Antonello Costa, Demo Mura, Gaetano De Martino, Ciro Ceruti e Ciro Villano, I cuginetti a sfera, Beppe Iodice, Rosario Toscano, I Ditelo Voi, Alessandro Di Carlo, Rocco Barbaro, Mario Zucca, I Teandria, Teresa Lallo, e tanti altri ancora che hanno calcato il palcoscenico del “Ridotto”, iniziando proprio da quelle tavole il proprio cammino artistico.

Un piccolo spazio che ha ospitato un grande lavoro creativo ed artistico presso il quale oggi si lavora ancora a pieno ritmo con progetti sempre nuovi ed alternativi.

I progetti di formazione sono un riferimento continuo, con ben quattro laboratori divisi per fasce di età, diretti e coordinati da uno staff di prim’ordine.

Il teatro “Ridotto”, insomma, è un piccolo spazio capace di ospitare le grandi idee!

Condividere è tenere a qualcosa ...Tweet about this on TwitterShare on Google+Share on FacebookEmail this to someoneShare on LinkedIn